Contenuto principale

Attività didattica 2017-2018

PROGRAMMI D'ESAME DEFINITIVI 

A.A. 2017- 2018 Secondo semestre

Testi e studi critici in fotocopia. I testi e gli studi critici in fotocopia indicati nei programmi d'esame definitivi saranno disponibili dal 1 febbraio 2018 presso l'Ufficio Fotocopie (sig. Luciano Ardia) al primo piano del Dipartimento di Filosofia.

A. CORSO PER LA LAUREA TRIENNALE PROGRAMMA D'ESAME DEFINITIVO

Titolo del corso: I Dialoghi sulla religione naturale di Hume e il loro influsso su Kant

Attenzione. Come indicato dalla Guida per gli studenti di filosofia e scienze filosofiche, al punto 1.5 (Percorso consigliato), Storia della Filosofia moderna rientra tra gli insegnamenti consigliati per il terzo anno della laurea triennale. Dall’a.a. 2017-2018, al fine di assicurare una progressione adeguata nella scelta degli insegnamenti, è stato introdotto un percorso consigliato articolato sui tre anni del corso e indicato al punto 1.5. Gli studenti iscritti al primo anno nel corrente a.a. 2017-2018 sono invitati a seguire i corsi indicati per il primo anno del percorso consigliato al punto 1.5. Dall'a.a. 2017-2018, inoltre, il corso per la laurea triennale non può essere seguito né costituire materia di esame per gli studenti che si immatricolano al corso di laurea magistrale in Scienze filosofiche. Dall'a.a. 2017-2018, infine, il corso per la laurea magistrale non può essere seguito né costituire materia di esame per gli studenti che si immatricolano al corso di laurea triennale.

Orario:lunedì (8.30-10.30), mercoledì (10.30-12.30), venerdì (8.30-10.30), aula 211. Nei giorni di svolgimento della sessione di laurea invernale (dal 26 al 28 marzo 2018 e dal 4 al 9 aprile 2018) le lezioni sono sospese.

Data di inizio: lunedì 12 febbraio 2018, ore 8.30, aula 211

L’insegnamento di Storia della filosofia moderna mira all’interpretazione di temi e opere compresi in un arco temporale che va dal Quattrocento a Hegel. La metodologia adottata prevede: l’esame della struttura e dell’articolazione dell’opera, l’analisi dell’argomentazione, la storia delle fonti, della genesi, e dei concetti. Su questi metodi è prevista più di una lezione.  Il corso affronterà i Dialoghi sulla religione naturale di Hume, opera di importanza fondamentale della filosofia moderna, con l’intento di esaminarne l’influsso su Kant. I temi e i testi sono diversi rispetto al corso tenuto dal docente nell’AA 2015-2016 su Kant e Hume (nelle opere di Kant sono contenuti più di cento riferimenti a testi di Hume). Il modulo A esaminerà le parti dell’opera che hanno esercitato un influsso su Kant. I moduli B e C saranno dedicati alla presenza dei Dialoghi nella filosofia di Kant. L’esame sarà orale e consterà di una domanda per ciascun modulo; è richiesta una conoscenza analitica dei testi elencati al punto 1. Per quanto riguarda gli studi critici elencati al punto 2, su di essi è prevista una domanda di carattere più generale e non analitico. Il docente è reperibile durante la lezione, via mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e nell’orario di ricevimento. Avvisi relativi all’orario di ricevimento, al corso e agli appelli saranno pubblicati sulla homepage del docente alla voce AvvisiInformazioni sul docente (CV, pubblicazioni, ambiti di ricerca, partecipazione e organizzazione di convegni e congressi, partecipazione a progetti di ricerca ecc.) sono accessibili al LINK

1. Testi

I testi previsti per i 3 moduli saranno disponibili dal 1 febbraio 2018 presso l’Ufficio del sig. Luciano Ardia, primo piano, Dipartimento di Filosofia.  

Modulo A. David Hume, Dialoghi sulla religione naturale, a cura di M. Dal Pra, Laterza, Roma-Bari, 1983 (passi scelti). Introduzione al “sistema della critica” di Kant: I. Kant, Critica della ragion pura, “Introduzione”, pp. 89-93; I. Kant, Critica della ragion pratica, a cura di F. Capra, Roma-Bari, Laterza, 1987; “Introduzione”, pp. 17-19; I. Kant, Critica del Giudizio, a cura di M. Marassi, Milano. Bompiani, 2004,“Prefazione”, pp. 2-9. 

Modulo B. I. Kant, L’unico argomento possibile per una dimostrazione dell’esistenza di Dio, Parte Seconda. Considerazione quinta e sesta, in Scritti precritici, pp. 160-181; I. Kant, Critica della ragion pura, a cura di P. Chiodi, Torino, Utet, 1967 (le seguenti parti: Dei concetti della ragion pura, pp. 311-329; L’ideale della ragion pura, pp. 461-508). 

Modulo C. I. Kant, Critica della ragion pura, a cura di P. Chiodi, Torino, Utet, 1967: La disciplina della ragion pura in ordine al suo uso polemico, pp. 566-578; I. Kant, Prolegomeni ad ogni futura metafisica che si presenterà come scienza, a cura di P. Carabellese, introd. di R. Assunto, Roma-Bari, Laterza, 1982, pp. 3-13. 118-158; I. Kant, Critica della ragion pratica, a cura di F. Capra, Roma-Bari, Laterza, 1987: Come sia concepibile un’estensione della ragione pura nel rispetto pratico, pp. 162-171; I. Kant, Critica del Giudizio, a cura di M. Marassi, Milano, Bompiani, 2004, § 80 (pp. 545-555), § 85 (pp. 587-599); I. Kant, Lezioni di filosofia della religione, Napoli, Bibliopolis, pp. 193-205. 

2. Studi critici 

Gli studenti frequentanti che intendano conseguire 9 crediti aggiungono ai testi previsti al punto 1: E. Cassirer, Vita e dottrina di Kant, Firenze, La Nuova Italia, 1977 (dal 1 febbraio 2018 presso l'Ufficio fotocopie - sig. Luciano Ardia) oppure E. Cassirer, Vita e dottrina di Kant, Presentazione di G. Gigliotti, Roma, Castelvecchi, 2016. 

Gli studenti non frequentanti che intendano conseguire 9 crediti aggiungono ai testi previsti al punto 1: Giancarlo Carabelli, Hume e la retorica dell’ideologia. Uno studio dei “Dialoghi sulla religione naturale”, Firenze, La Nuova Italia, 1972; Otfried Höffe, Immanuel Kant, Bologna, Il Mulino, 1983. 

Gli studenti frequentanti che intendano conseguire 6 crediti, scelgono due fra i tre moduli previsti al punto 1 e aggiungono: G. Cambiano, M. Mori, Storia e antologia della filosofia, 2: Dal Quattrocento al Settecento, Roma-Bari, Laterza, 2000, pp. 462-475 (Hume) e pp. 591-616 (Kant) (Ufficio Fotocopie dal 1 febbraio 2018- sig. Luciano Ardia)

Gli studenti non frequentanti che intendano conseguire 6 crediti, scelgono due fra i tre moduli previsti al punto 1 e aggiungono: G. Cambiano, M. Mori, Storia e antologia della filosofia, 2: Dal Quattrocento al Settecento, Roma-Bari, Laterza, 2000, pp. 462-475 (Hume) e pp. 591-616 (Kant) (Ufficio Fotocopie dal 1 febbraio 2018- sig. Luciano Ardia); La filosofia di Kant, a cura di M. Mori, Torino, Loescher, 1990 (antologia).

LINK a Programma d'esame definitivo in Facoltà di Studi Umanistici: I Dialoghi sulla religione naturale di Hume e il loro influsso su Kant.

 

B. CORSO PER LA LAUREA MAGISTRALE. PROGRAMMA D'ESAME DEFINITIVO

Titolo del corso: Schiller e L’educazione estetica 

Attenzione: Come indicato dalla Guida per gli studenti di filosofia e scienze filosofiche, al punto 2.5 dal corrente a.a. 2017-18 gli studenti che si immatricolano al corso di laurea magistrale in Scienze filosofiche possono seguire gli insegnamenti e dare gli esami solo degli insegnamenti del Corso di laurea magistrale in Scienze filosofiche. Dall'a.a. 2017-2018, inoltre, il corso per la laurea magistrale non può essere seguito né costituire materia di esame per gli studenti che si immatricolano al corso di laurea triennale.

Orario: lunedì 10.30-12.30, mercoledì 8.30-10.30, venerdì 10.30-12.30; aula I via S. Antonio. Nei giorni di svolgimento della sessione di laurea invernale (dal 26 al 28 marzo 2018 e dal 4 al 9 aprile 2018) le lezioni sono sospese.

Data di inizio: lunedì 12 febbraio 2018, ore 10.30, aula I via S. Antonio

L’insegnamento di Storia della filosofia moderna mira all’interpretazione di temi e opere compresi in un arco temporale che va dal Quattrocento a Hegel. Nella metodologia adottata rientrano: l’esame della struttura e dell’articolazione dell’opera, l’analisi dell’argomentazione, la storia delle fonti, della genesi, e dei concetti. Su questi metodi è prevista più di una lezione. Il corso affronterà tre opere fondamentali di Friedrich Schiller. Il modulo A esaminerà alcune delle principali fonti di ispirazione di Schiller, il modulo B si concentrerà sugli scritti giovanili e sulle poesie filosofiche, il modulo C affronterà le Lettere sull’educazione estetica dell’uomo. L’esame sarà orale e consterà di una domanda sul contenuto di ciascun modulo; è richiesta una conoscenza analitica dei testi. Per quanto riguarda gli studi critici, su di essi è prevista una domanda di carattere più generale e non analitico. Il docente è reperibile durante la lezione, via mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e nell’orario di ricevimento. Avvisi relativi all’orario di ricevimento, al corso e agli appelli saranno pubblicati sulla homepage del docente alla voce “Avvisi”. Informazioni sul docente (CV, pubblicazioni, ambiti di ricerca, partecipazione e organizzazione di convegni e congressi, partecipazione a progetti di ricerca ecc.) sono accessibili al seguentte LINK.

1. Testi

Modulo A. Le fonti delle Lettere sull’educazione estetica di Schiller (fotocopie disponibili dal 1 febbraio 2018 presso l’ufficio del sig. Luciano Ardia, Dipartimento di Filosofia, I piano).

Modulo B. Friedrich Schiller, Il corpo e l’anima. Scritti giovanili, a cura di G. Pinna, Roma, Armando Editore, 2013; Friedrich Schiller, Poesie filosofiche. Testo tedesco a fronte, a cura di G. Pinna, Milano, Feltrinelli, 2014.

Modulo C. Friedrich Schiller, Educazione estetica, Palermo, Aesthetica, 2009.

2. Studi critici

Gli studenti frequentanti che intendano conseguire 9 crediti aggiungono ai testi previsti al punto 1: G. Pinna, P. Montani, A. Ardovino (a cura di), Schiller e il progetto della modernità, Roma, Carocci, 2006 (Ufficio Fotocopie (sig. Luciano Ardia) al primo piano del Dipartimento di Filosofia dal 1 febbraio 2018).

Gli studenti frequentanti che intendano conseguire 6 crediti preparano due a scelta tra i moduli previsti al punto 1 e aggiungono: G. Pinna, Introduzione a Schiller, Roma-Bari, Laterza, 2012.

Gli studenti non frequentanti che intendano conseguire 9 crediti aggiungono ai testi previsti al punto 1: G. Pinna, Introduzione a Schiller, Roma-Bari, Laterza, 2012; Schiller lettore di Kant, a cura di A.L. Siani, G. Tomasi, Pisa, ETS, 2013.

Gli studenti non frequentanti che intendano conseguire 6 crediti aggiungono ai testi previsti per i due moduli a scelta del punto 1: G. Pinna, Introduzione a Schiller, Roma-Bari, Laterza, 2012 e G. Pinna, P. Montani, A. Ardovino (a cura di), Schiller e il progetto della modernità, Roma, Carocci, 2006 (Ufficio Fotocopie (sig. Luciano Ardia) al primo piano del Dipartimento di Filosofia dal 1 febbraio 2018).

LINK a Programma d'esame definitivo in Facoltà di Studi Umanistici: Schiller, L’educazione estetica.