Contenuto principale

Anno Accademico 2009-2010 II Semestre

Estetica (Scienze dei Beni Culturali e Lettere)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA
A.A. 2009-2010

Corso di: Estetica [Scienze dei Beni Culturali e Lettere]
Docente: Prof.ssa Maddalena Mazzocut-Mis
Titolo del corso: Immagine e pathos: un percorso estetico

(II Semestre)

PROGRAMMA D’ESAME

Testo comune

Testo comune a tutti i moduli e oggetto di prova scritta (la data della prova scritta verrà comunicata durante il corso):

1. M. Mazzocut-Mis, Estetica: temi e problemi, Le Monnier, Firenze 2006 (parti prima e seconda)

 

Modulo A (Prof. A. Pinotti):
CORPO E IMMAGINE

2. D. Katz, Ma El Greco era davvero astigmatico?, Armando, Roma 2009.

3. A. Pinotti, Destra e sinistra nell’immagine, Tre Lune, Mantova 2010.

 

Modulo B (Prof.ssa M. Mazzocut-Mis):
L’IMMAGINE DEL PATETICO

4. M. Mazzocut-Mis, Il senso del limite, Le Monnier, Firenze 2009.

 

Modulo C (Prof. M. Ophälders)
UN’ESTETICA DEL CORPO PATETICO

5. J.G. Herder, Plastica, Aesthetica, Palermo 1994 e M. Ophälders, Max Raphael legge Guernica di Picasso, in Id., Labirinti, Mimesis, Milano 2008.

 

Studenti non frequentanti

Gli studenti non frequentanti aggiungono:

  • M. Mazzocut-Mis, Estetica: temi e problemi, Le Monnier, Firenze 2006 (parte terza)
  • M. Mazzocut-Mis, Il gonzo sublime, Mimesis, Milano 2005.
  • D. Diderot, Sulla pittura, Aesthetica, Palermo 2004.

Avvertenza

Per un esame da 6 CFU gli studenti porteranno, oltre al testo comune, i moduli B e a scelta i moduli A o C.

Per un esame da 9 CFU gli studenti porteranno, oltre al testo comune, tutti e i tre moduli.

Estetica - Laurea magistrale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA
A.A. 2009-2010

Corso di: Estetica - Laurea magistrale
Docente: Prof. Stefano Zecchi
Titolo del corso: La crisi del mondo moderno


Modulo A (20 ore, 3 CFU)

Goethe: scienza e poesia

Faust, parte I° e II°

 

Modulo B (20 ore, 3 CFU)

René Guénon: la religione

La crisi del mondo moderno, Edizioni Mediterranee

Il regno della quantità e i segni dei tempi, Adelphi

Il Demiurgo e altri saggi, Adelphi

Gli stati molteplici d  dell’essere, Adelphi

 

Modulo c (20 ore, 3 CFU)

Martin Heidegger: la filosofia

Che cos’è metafisica e  Introduzione a “Che cos’è metafisica, in M. Heidegger, Segnavia, Adelphi

 

Orario:

lunedì 16.30 - 18.30 422 FdP

mercoledì 16.30 - 18.30, via S. Antonio 1

giovedì, 10.30 - 12.30 Dip. Filosofia

Filosofia del linguaggio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA
A.A. 2009-2010

Corso di: Filosofia del linguaggio
Docente: Prof. ssa Clotilde Calabi

Titolo del corso: Linguaggio, Credenza  e Visione

II Semestre

Programma definitivo

Primo modulo (20 ore, 3 CFU): Introduzione alla filosofia del linguaggio

  1. P. Casalegno, Filosofia del linguaggio, Carocci. Capitoli 1 e 2 (fino al § 2.6 escluso)
  2. P. Casalegno, Dispense sulla simbologia logica (presso l’ufficio fotocopie del dipartimento, sign. Ardia).
  3. G. Frege, “Senso e significato”, in Filosofia del linguaggio, a cura di P. Casalegno, A. Iacona, E. Paganini, M.Santambrogio, Cortina Milano 2003.

 

Secondo Modulo (20 ore, 3 CFU): Credere e parlare di quello che si crede

  1. S. Kripke,  Nome e necessità, tr. it. Bollati Boringhieri 1999, capitoli 1 e 2.
  2. P. Casalegno, Filosofia del linguaggio, Carocci, cap. 8
  3. a) S. Schiffer, “Propositional Content”, forth. in E. Lepore, B. Smith, Oxford Handbook of Philosophy of Language.
     OPPURE:
    b) S. Kripke, “Un rompicapo sulla credenza”, in S. Kripke, Esistenza e necessità. Saggi scelti, tr. it. Ponte alle Grazie 1992.

 

Terzo Modulo (20 ore, 3 CFU): Vedere

  1. A. Bonomi, Eventi mentali, Il Saggiatore, Milano 1983, Primo Episodio, scaricabile da: http://www.filosofia.unimi.it/~bonomi/.
  2. F. Dretske, Seeing and Knowing, University of Chicago Press 1969, fino a pag. 93 (escluse le pagine 31-35).
  3. C. Calabi, Filosofia della percezione, Laterza 2009, Introduzione e cap. 2.
  4. (facoltativo) a) F. Dretske, “Simple Seeing”, in F. Dretske, Perception, Knowledge and Belief. Selected Essays, Cambridge University Press 2000, pp. 97-112.

Estetica dello spettacolo (Scienze dei Beni Culturali e Lettere)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA
A.A. 2009-2010

Corso di: Estetica dello spettacolo [Scienze dei Beni Culturali e Lettere]
Docente: Prof.ssa Maddalena Mazzocut-Mis
Titolo del corso: Paradossi in scena. Gusto ed espressività nell’arte dell’attore

(II Semestre)

Esame da 9 crediti: moduli A, B, C

Il corso si propone di esporre e analizzare le maggiori filosofie attoriali a partire dalle analisi settecentesche. Il primo modulo vuole indagare, attraverso gli strumenti che l’estetica mette a disposizione a partire dal Settecento, il sistema categoriale e soprattutto la problematica del gusto. Il secondo modulo approfondisce il tema del “paradosso dell’attore” da Diderot a Lessing. Infine, il terzo modulo, si rivolge il lavoro attoriale nella contemporaneità, a partire da esemplificazioni mirate, guardando anche agli effetti della recitazione e ai riscontri nell’ambito della fruizione.

 

Modulo A, 20 ore: Il gusto: introduzione all’estetica

Bibliografia

  • Il gusto, a cura di L. Russo, Aesthetica, 2000*.

 

Modulo B, 20 ore: L’attore nel Settecento

Bibliografia

  • M. Accornero, M. Bertolini, etc. (a c. di), Paradossi settecenteschi, Led, 2010*.
  • M. Mazzocut-Mis, Corpo e voce della passione. L’estetica attoriale di Jean-Baptiste Du Bos, Led, 2010.

 

Modulo C, 20 ore: Il lavoro attoriale tra emozione e ragione

Bibliografia

  • K. Angioletti (a c. di), Filosofie attoriali, Led, 2010*.
  • M. Mazzocut-Mis, Il senso del limite, Le Monnier, 2009 (lettura consigliata).

 

Studenti non frequentanti

Gli studenti non frequentanti aggiungono:

  • Esame da 6 crediti:
    • D. Diderot, Paradosso sull’attore, Abscondita, 2002.
    • M.C. Barbieri (a c. di), La pagina e la scena, Le Lettere, 2006 (Introduzione e pp. 97-176).
  • Esame da 9 crediti:
    • D. Diderot, Paradosso sull’attore, Abscondita, 2002.
    • M.C. Barbieri (a c. di), La pagina e la scena, Le Lettere, 2006 (Introduzione e pp. 97-176).
    • E. Franzini, Il teatro, la festa e la rivoluzione, Aethetica Preprint, 2002 (http://www.unipa.it/~estetica/download/Franzini.pdf) oppure A. Grieco, Per amore. Fedra e Alcesti, Il Saggiatore, 2005.

 

*Per i frequentanti: solo le parti svolte durante il corso.

TEST PER I FREQUENTANTI

I frequentanti, previa iscrizione durante le ore di lezione, potranno sostituire l’esame orale del modulo A con un test a risposta multipla.

Filosofia della religione - Laurea magistrale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA
A.A. 2009-2010

Corso di: Filosofia della religione - Laurea magistrale
Docente: Prof.ssa Maria Cristina Bartolomei
Titolo del corso: Letture filosofiche della Bibbia

(II Semestre)

 

Programma d’esame

Modulo A (20 ore, 3 CFU)

Testo, libro, testo sacro

  1. 1. Parte Istituzionale: Materiali* 1.

I biennalisti la sostituiscono con una lettura in più dei punti  10 o 11.

  1. 2. Traccia del Corso e Materiali 2
  2. 3. M. C. Bartolomei, Come tra due specchi. Bibbia e filosofia, Claudiana, Torino [in corso di preparazione]. Fino a che il volume non sia stato pubblicato, va sostituito con: M. C. Bartolomei, Intersezioni tra scrittura e interpretazione: la Bibbia, CUEM, Milano 1990, insieme con: Materiali 3.

 

Modulo B (20 ore, 3 CFU)

La Bibbia come oggetto filosofico

  1. 4. Benedetto Spinoza, Trattato teologico-politico [1670], Prefazione, Capitoli: I, VII, XI, XII, XIII.
  2. 5. Immanuel Kant, La religione nei limiti della semplice ragione, Prefazioni; capp. II e III (lettura del cap. I); Id., Il conflitto delle Facoltà, parte I, sez. I, §A; parte I, Appendice, fino alla fine di tutta la parte I; si può usare qualsiasi edizione;  nell’edizione I. Kant, Scritti di filosofia della religione, a cura di G. Riconda, Mursia, Milano 1989, tali testi si trovano alle pp. 67-75; 105-175 (lettura pp. 77-104); 241-242; 251-281.
  3. 6. Materiali 4

 

Modulo C (20 ore, 3 CFU)

La Bibbia nel pensiero dei filosofi

Per i frequentanti:

  1. 7. Materiali 5 e Materiali 6
  2. 8. Uno dei saggi elencati ai punti 10 e 11, oppure: Sant’Agostino, Opere di sant’Agostino. La genesi, vol. II, La genesi alla lettera, tr. it.,  Città Nuova, Roma 1989,  XI libro, pp. 559-631; IX libro, pp. 451- 497 [Materiali 7]

Per i non frequentanti:

  1. 9. Materiali 5

10. Uno dei seguenti saggi:

-         P. Ricoeur, Come pensa la Bibbia, tr. it. Paideia, Brescia 2002, capp. I e V (di entrambi gli Autori);

-         M. Buber, Parola e Scrittura. Per una nuova versione tedesca, tr. it., Aracne,  Roma 2007;

-         E. Lévinas, Una religione da adulti, in Id. Difficile Libertà, tr. it., Jaca Book, Milano 2004, pp. 27-41 insieme con: E. Lévinas, Sulla lettura ebraica delle Scritture; Il Nome di Dio secondo alcuni testi talmudici; La rivelazione nella tradizione ebraica, in Id., L'aldilà del versetto, tr.it. , Guida, Napoli 1986, pp. 181-235 [Materiali 8];

-         F. Rosenzweig, La scrittura. Saggi dal 1914 al 1929, tr. it., Città Nuova, Roma 1991, pp. 70-141.

 

11. Uno dei seguenti saggi:

-         S. Mosès, L'Eros e la Legge. Letture Bibliche, tr. it., Giuntina, Firenze 2000.

-         E. Jabès, Il Percorso, tr. it., Pironti, Napoli 1991;

-         X. Tilliette, I filosofi leggono la Bibbia, tr. it, Queriniana, Brescia 2003;

-         P. Beauchamp, L’uno e l’altro testamento, tr. it., Paideia, Brescia 1985;

-         P.C. Bori, L’interpretazione infinita. L’ermeneutica cristiana antica e le sue trasformazioni, il Mulino, Bologna 1987.

 

Indicazioni bibliografiche aggiuntive (per concordare tesine o sostituzioni):

-         P.C. Bori (a cura di), In spirito e verità. Letture di Giovanni 4, 23-24, Dehoniane, Bologna 1996.

-         P. Ricoeur, Ermeneutica filosofica ed ermeneutica biblica, tr. it., Paideia, Brescia 2003.

-         P. Ricoeur, Ermeneutica  biblica, tr. it., Morcelliana, Brescia 1978.

-         M. Heidegger, Fenomenologia della vita religiosa, tr. it., Adelphi, Milano 2003, Parte Seconda (Esplicazione fenomenologica di fenomeni religiosi sulla scorta delle lettere dell’apostolo Paolo).

-         N. Frye, Il grande codice. La Bibbia e la letteratura, tr. it., Einaudi, Torino 1986.

-         A. Paul, La Bibbia e l’Occidente, tr. it., Paideia, Brescia 2009.

-         F. Bousquet et.al, Le texte comme objet philosphique, Beauchesne, Paris 1987;  i saggi di F. Jacques (Le moment du texte, pp. 15-85) e di J. Greisch (Mise en abîme et objeu. Ontologie et textualité, pp. 251-277).

-         A. Malet, Le traité théologico-politique de Spinoza et la pensée biblique, Les belles lettres, Paris 1966.

-         S. Zac, Spinoza et l’interprétation de l’Écriture, PUF, Paris 1965.

-         Aa.Vv., L'écriture sainte au temps de Spinoza et dans le système spinoziste, Presses de l'Université de Paris Sorbonne, Paris 1992.

 

 

  • Per i Materiali, rivolgersi al Laboratorio Fotocopie del Dipartimento di  Filosofia.

 

Orario:

martedì, 12.30 -14.30, aula 435 fdP

mercoledì, 16.30 - 18.30, aula 515 FdP

giovedì, 12.30 - 14.30, aula 515 FdP