Contenuto principale

Anno Accademico 2011-2012 I Semestre

Antropologia filosofica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA
A.A. 2011-2012

Corso di: Antropologia filosofica
Docente: Prof. Carlo Montaleone
Titolo del corso: Violenza, schiavitù, servitù volontaria in Étienne La Boétie e Michel de Montaigne

 

I Semestre

 

1a unità didattica: Chi accusare, i tiranni o i tiranneggiati?

2a unità didattica: Teologia dell’oro e schiavitù in America

3a unità didattica: Violenza e apocalisse in Montaigne

 

Indicazioni bibliografiche:

Etienne La Boétie, Discorso sulla servitù volontaria, varie edizioni; Michel de Montaigne, Saggi, Adelphi, varie edizioni: dal Libro I il 22, il 26, il 30 e il 31. Dal libro II il 12. Dal libro III il 6.; Carlo Montaleone, Oro, cannibali, carrozze. Il Nuovo Mondo nei Saggi di Montaigne, Bollati Boringhieri, Torino 2011 (esiste anche un’edizione e-book) . Altre indicazioni bibliografiche verranno fornite durante le lezioni.

Verranno utilizzati anche saggi di vario tipo dei quali si darà il titolo durante il corso

Avvertenze generali:

Gli studenti frequentanti e quelli non frequentanti portano lo stesso programma. In altri termini: si prega di non richiedere né a voce né attraverso mail ulteriori precisazioni sul programma dei non frequentati. Gli studenti che iterano l’esame devono scrivere una tesina su un argomento concordato. Gli altri studenti  possono farlo. Le tesine si concordano parlando col docente o, nel caso sia impossibile, proponendo per mail un tema. La tesina –14.000 battute come massimo in pagine numerate – deve essere consegnata almeno dieci giorni prima dell’esame.

 

Laboratorio

Nel secondo semestre il prof. Carlo Montaleone condurrà un laboratorio su Descartes:

I testi di riferimento verranno indicati all’apertura del seminario

Dopo una data, ancora da fissare, ma sicuramente nel mese di gennaio verranno indicati, sul sito dell’Università, giorno, ora e luogo in cui dovranno convenire coloro che desiderano iscriversi al seminario. La lista verrà composta allora. È dunque inutile inviare mails di prenotazione che non potranno essere accolte.

Estetica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA
A.A. 2011 -2012

Corso di: Estetica
Docente: Dott. Giancarlo Lacchin
Titolo del corso: Questioni e momenti di storia dell'estetica

I Semestre

Il corso è rivolto ai seguenti corsi di laurea:

  • Filosofia, ordinamento triennale, in particolar modo alle matricole.
  • Filosofia, ordinamento quadriennale.
  • Scienze Filosofiche (l.m.).
  • Lingue e letterature straniere (l.t.)
  • Lingue e letterature straniere europee ed extraeuropee (l.m.).

1° unità didattica: L’idea del bello e il concetto dell’arte

1) A. Baeumler, Estetica e annotazioni sulla teoria dell’arte, a cura di G. Lacchin, Unicopli, Milano 2009

2) Platone, Simposio (edizione a scelta dello studente)

3) Aristotele, Poetica (edizione a scelta dello studente)

 

2° unità didattica: Kant e la nascita dell’estetica moderna

1) I. Kant, Critica del giudizio, Introduzione e Parte I (§§ 1-60) (edizione a scelta dello studente)

2) G. Moretti, Il genio, Morcelliana, Brescia 2011 (pp. 33-143)

 

3° unità didattica, docente Prof. Stefano Zecchi: Il concetto di bellezza

1) S. Zecchi, L’artista armato, Mondadori, Milano 1999

2) S. Zecchi, Le promesse della bellezza, Mondadori, Milano 2006

 

Descrizione del Corso:

Nel primo modulo del corso verrà offerta una presentazione delle linee guida fondamentali di formazione della problematica estetica in epoca antica, con particolare riferimento alla storia di alcuni concetti chiave (arte, bello, imitazione, forma) e ad alcuni testi principali di riferimento, a partire dalla contrapposizione fra idea del bello e concetto dell’arte.

Il secondo modulo sarà incentrato sullo sviluppo del discorso estetico in epoca moderna, attraverso la lettura della prima parte della Critica del giudizio di Kant e la trattazione dei suoi temi fondamentali, quali quelli del giudizio estetico, del gusto, del rapporto bello-sublime, del genio.

Nel terzo modulo il Prof. Zecchi tematizzerà le problematiche legate al concetto di bellezza nel XIX e XX secolo.

 

Chi sostiene l’esame con 6 crediti non deve preparare il modulo C.

Chi ha già sostenuto l’esame di Estetica I e intende quindi biennalizzarlo, è pregato di prendere contatto con il docente.

Gli studenti non frequentanti dovranno preparare in aggiunta ai testi sopra indicati:

  • 1) E. Cassirer, Vita e dottrina di Immanuel Kant, La Nuova Italia, Scandicci (FI) 1987 (capitoli II.v, III e VI)
  • 2) N. Schneider, Storia dell’estetica, Neri Pozza, Vicenza 2000 (pp. 21-93)

Entrambi i testi sono disponibili anche presso l’Ufficio fotocopie del Dipartimento di Filosofia.

Filosofia del linguaggio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA
A.A. 2011-2012

Corso di: Filosofia del linguaggio
Docente: Prof.ssa Elisa Paganini
Titolo del corso: Credenze: un rompicapo per filosofi

I Semestre

Il corso è rivolto a studenti di

  • FILOSOFIA 9 CFU; LETTERE 6 O 9 CFU;
  • LINGUE 6 O 9 CFU;
  • SC. UMANISTICHE PER LA COMUNICAZIONE 6 O 9 CFU;
  • STORIA E CULTURA DEL SISTEMA EDITORIALE 6 O 9 CFU.

Il corso è consigliato alle matricole.

 

1° unità didattica: Significato e significato indiretto

2° unità didattica: Riferimento diretto

3° unità didattica: Credenze e rompicapi

Indicazioni bibliografiche

  • Casalegno P. e altri (a cura di), Filosofia del linguaggio, Milano, Cortina, 2003
  • Casalegno P., Filosofia del linguaggio. Un’introduzione, Roma, Carocci, 1997
  • Kenny A., Frege, Torino, Einaudi, 2003
  • Kripke S., Nome e necessità, Torino, Bollati Boringhieri, 1999
  • Kripke S., “Un rompicapo sulla credenza” in S. Kripke, Esistenza e necessità, Ponte alle Grazie, Firenze, 1992,  pp. 229-266

Studenti non frequentanti

Gli studenti non frequentanti sono invitati a presentarsi al ricevimento prima dell’esame col programma d’esame stampato e con le dispense disponibili online stampate.

Estetica - per Sc.Um.Com.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA
A.A. 2011-2012

Corso di: Estetica

Docente: Prof. Andrea Pinotti
Titolo del corso: Immagine e medium. Lineamenti di cultura visuale

I Semestre

60 ore – 9 CFU

Il corso è rivolto agli studenti del Corso di Laurea in Scienze Umanistiche per la comunicazione.

Presentazione del corso

Il corso si propone di introdurre gli studenti al ruolo giocato dalle problematiche estetiche nel campo della comunicazione, con particolare riguardo per le pratiche che ruotano attorno alla produzione e alla fruizione delle immagini, in quella che viene chiamata “sfera iconica”. La prima unità introduce all’estetica nei suoi rapporti con la teoria dei media; la seconda presenta i concetti fondamentali e gli autori di riferimento della cultura visuale; la terza approfondisce il plesso medium-corpo-immagine, interrogandosi sulla nozione di transmedialità e sulla possibilità di pratiche visuali nell’imminente epoca del cosiddetto postumano, ormai alle porte.

Programma frequentanti

Unità didattica A (3 CFU): L’estetica e la teoria dei media

  • R. Diodato-A. Somaini (a cura di), Estetica dei media e della comunicazione, Bologna, il Mulino, 2011.

Unità didattica B (3 CFU): La cultura visuale e la sfera comunicativa

  • A. Pinotti-A. Somaini (a cura di), Teorie dell’immagine. Il dibattito contemporaneo, Milano, Cortina, 2009.

Unità didattica C (3 CFU): Medium, corpo, immagine

  • J.D. Bolter, R. Grusin, Remediation, Milano, Guerini, 2003.
  • A. Pinotti, Empatia. Storia di un’idea da Platone al postumano, Roma-Bari, Laterza, 2011.

 

Programma non frequentanti

Gli studenti non frequentanti aggiungono ai testi sopra indicati:

  • R. Debray, Vita e morte dell’immagine, Milano, Il Castoro, 2010.
  • P. Montani, L’immaginazione intermediale, Roma-Bari, Laterza, 2010.

Filosofia della logica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA
A.A. 2011-2012

Corso di: Filosofia della logica
Docente: Prof. ssa Miriam Franchella
Titolo del corso:"Con permesso: forma, norma e libertà."

I Semestre

Presentazione del corso

La logica deduttiva presenta un carattere indubbiamente formale. Il corso intende analizzare il concetto di ‘forma’ in varie sue sfaccettature per incontrare riflessioni toccanti e profonde in tutto l’arco dell’umano: dal ragionamento alle emozioni, dalla matematica all’arte, seguendo un percorso  che partirà da come la logica esprime un certo aspetto del concetto di forma per giungere ad abbracciare altri modi di declinare quell’aspetto.

 

1° unità didattica: La natura formale della logica

2° unità didattica: Il carattere normativo della logica

3° unità didattica: Libertà dalla logica?

 

Indicazioni bibliografiche

  • Dispensa della docente
  • Polster “Terapia della Gestalt integrata” Giuffré
  • De Monticelli “Esercizi di pensiero per aspiranti filosofi” Boringhieri 2006