Contenuto principale

Storia della scienza

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI

A.A. 2012 -2013

Corso di: Storia della scienza
Docente: Prof. Elio Nenci

Titolo del corso: Nascita e sviluppo di una nuova teoria astronomica: Keplero, Newton, Herschel

 

II Semestre

Presentazione del corso

L’emergere di una visione del cosmo profondamente diversa da quella sviluppata nell’antichità, rappresentò uno dei caratteri salienti della rivoluzione scientifica che ebbe luogo all’inizio del XVII secolo. All’interno di questo processo di trasformazione la ricerca di una convergenza tra fisica terrestre e fisica celeste fu uno dei compiti più difficili. Il corso vuole seguire lo sviluppo della riflessione relativa a questi temi.

1^ unità didattica: Un’introduzione ai sistemi astronomici di Tolomeo e Copernico.

2^ unità didattica: L’opera di Tycho Brahe e Johannes Kepler.

3^ unità didattica: Newton e la fondazione fisica del sistema astronomico di Keplero. Herschel e la scoperta di Urano.

 

Programma d'esame

Parte istituzionale

L. Geymonat, Storia del pensiero filosofico e scientifico, Milano: Aldo Garzanti, 1970-1971, parti dei volumi I, II, III:

Vol. I, sez. I: Il pensiero filosofico e scientifico nell’antichità classica.

  1. cap. VII: Le scienze della natura e dell’uomo nel V secolo, parte IV, pp. 121-124 (Alcmeone); parte VI, pp. 126-138 (Ippocrate e la scuola medica di Cos).
  2. cap. XII: I progressi della matematica nel V e IV secolo, parti I-V, pp. 201-209 (La matematica da Ippocrate di Chio ad Archita di Taranto – Vita e opere di Eudosso – La personalità scientifica di Eudosso – L’opera matematica – L’astronomia Eudossiana)
  3. cap. XIII: Aristotele, parti, I-V, pp. 210-219 (La vita. Il Liceo – Le opere – I concetti fondamentali della metafisica aristotelica – Le varie nozioni di causa. Filosofia e scienza – Senso e ragione); parti IX-X, pp. 230-237 (La fisica - La biologia. I primi successori di Aristotele al Liceo).
  4. cap. XIV: I grandi scienziati di Alessandria, parti I-X, pp. 238-253 (Trasformazione del mondo antico – Origine e sviluppo del Museo e della Biblioteca di Alessandria – Caratteri della cultura ellenistica – Gli studi aristotelici – La medicina – La matematica – L’astronomia – La geografia – Vita di Archimede e sua produzione scientifica – Realizzazioni tecniche di Archimede nel quadro della cultura antica).
  5. cap. XVIII: Ultimi sviluppi della matematica e dell’astronomia nell’antichità classica, parti I-VI, pp. 352-369 (Considerazioni preliminari – Tolomeo – Erone – Ingegneri e agrimensori romani – Pappo e Diofanto – Il confluire della matematica nella metafisica).
  6. cap. XIX: Le ricerche medico-biologiche: Galeno, parti I-VII, pp. 309-324 (Lo stato della medicina dal periodo alessandrino a Galeno – Galeno: vita e opere – La concezione della scienza. Importanza attribuita ai processi dimostrativi – Il finalismo – La dottrina dei temperamenti – Le facoltà naturali – Il calore innato e lo ‘pneuma’).

Vol. I, sez. II: Patristica e Scolastica.

  1. cap. IV: Filosofia e scienza nel mondo arabo. Il pensiero ebraico, parti III-IV, pp. 492-499 (Averroé - Gli arabi e la scienza).
  2. cap. V: I secoli XI e XII, parte XI, pp. 521-523 (Le scuole di Salerno e di Montpellier).
  3. cap. VII: Il dissolversi della scolastica, parti VI-IX, pp. 574-582 (I fisici di Parigi – Bradwardine e i ‘Calculatores’ del Merton College – Continuatori dell’Averroismo. L’università di Padova – La scuola medico-anatomica di Bologna).

Vol. II, sez. III: Il Rinascimento e la rivoluzione scientifica.

  1. cap. VI: Progressi delle scienze e delle tecniche nel Cinquecento, parti I-VI, pp. 76-98 (Considerazioni preliminari sul moltiplicarsi delle ricerche scientifiche – Aspetti non scientifici delle indagini scientifico-tecniche rinascimentali – Matematica – Astronomia – Meccanica – Medicina. Anatomia – Fisica e altre scienze – La tecnica).
  2. cap. X: Bacone, parti I-VII, pp. 140-151 (vita e opere – La scienza quale fulcro del rinnovamento della società – La polemica contro Aristotele – La riforma del sapere in senso pratico-operativo – La logica di Bacone – Le forme dei fenomeni. Valore e limiti dell’opera di Bacone).
  3. cap. XI: Galileo Galilei, parti I-VI, pp. 152-175 (Vita, opere e personalità di Galileo – Compiti e caratteri della scienza fisica – Critica del principio di autorità – Contributi scientifici – Il metodo sperimentale – Scienza e filosofia)

Vol. II, sez. IV: Il pensiero filosofico da Cartesio a Newton.

  1. cap. II: Cartesio, parti I-III, pp. 218-223 (Necessità di una nuova filosofia – Vita e opere di Cartesio – Il metodo di Cartesio e le sue regole); parti VIII-IX, pp. 231-235 (Geometria - Fisica e biologia: il meccanicismo cartesiano).
  2. cap. VII: Pascal, parti I-III, pp. 310-318 (vita e opere – Matematica e fisica – valore e limiti della conoscenza scientifica).
  3. cap. VIII: Caratteri e prospettive del meccanicismo nel Seicento, parti I-VI, pp. 324-343 (Considerazioni preliminari – Il significato delle nuove prospettive rinascimentali – La ricerca dell’elemento essenziale nella costituzione della scienza moderna come prospettiva storiografica di fondo – Il metodo del meccanicismo: il modello meccanico – La concezione della materia e della natura – Il nuovo sistema delle scienze e gli sviluppi del meccanicismo).
  4. cap. X: Il pensiero matematico, parti I- VII, pp. 366-386 (Considerazioni generali – I principali protagonisti della ricerca matematica nel Seicento – Il significato innovatore della geometria analitica – Il graduale accostarsi della matematica ai problemi infinitesimali – Oboezioni all’ampliamento della matematica verso l’infinito e l’infi9nitesimo – Il costituirsi del calcolo infinitesimale – Riflessioni metodologiche).
  5. cap. XI: Sviluppo delle scienze reali nel XVII secolo: fisica, chimica, biologia, parti I-IV, pp. 387-435 (Considerazioni generali – Gli strumenti scientifici – Lo studio del mondo inanimato - Lo studio del mondo animato).
  6. cap. XIV: Leibniz, parti I-III, pp. 480-491 (Vita e opere – Problemi generali circa l’interpretazione del pensiero di Leibniz –Critica dell’intuizionismo cartesiano. Verità di ragione e verità di fatto); parti VII-VIII, pp. 499-507 (Ricerche matematiche - Fisica e biologia).
  7. cap. XV: Newton, parti I-VI, pp. 508-527 (Vita e opere – Sviluppo scientifico delle ricerche matematiche – Meccanica e astronomia – Ottica e chimica – Il rifiuto delle ipotesi – La filosofia della natura).

Vol. III, sez. V: L’Illuminismo. Kant.

  1. cap. VII: L’esigenza di sistematicità nella matematica e nella meccanica, parti I-V, pp. 168-191 (Considerazioni generali – I principali protagonisti – Analisi infinitesimale e algebra – La meccanica razionale – Il calcolo delle probabilità).
  2. cap. VIII: L’esigenza di più ampia sperimentazione nelle scienze della natura, parti IV-VI, pp. 200-211 (Astronomia, geodesia, geologia – Le ricerche fisiche – La chimica).
  3. cap. IX: Biologia e filosofia, parti I-VI, pp. 216-253 (Preformismo e creazionismo – Linneo – Il naturalismo evoluzionistico – Medicina e fisiologia – Il materialismo di Diderot – Conclusione).

L’esame da 6CFU richiede la preparazione della parte istituzionale fino a Galileo (compreso).

 

Parte monografica

1^ unità didattica

Un’introduzione ai sistemi astronomici di Tolomeo e Copernico (20 ore)

1) Thomas S. Kuhn, La rivoluzione copernicana: l’astronomia planetaria nello sviluppo del pensiero occidentale, Einaudi, Torino, 2000, pp. 4-236.

 

2^ unità didattica

L’opera di Tycho Brahe e Johannes Kepler (20 ore)

1) Thomas S. Kuhn, La rivoluzione copernicana: l’astronomia planetaria nello sviluppo del pensiero occidentale, Einaudi, Torino, 2000, pp. 256-292.

2) Johannes Kepler, Prodromus dissertationum cosmographicarum: continens Mysterium cosmographicum, De admirabili proportione orbium coelestium, deque Causis coelorum numeri, magnitudinis, motuumque periodicorum genuinis et propriis, demonstratum, per quinque regularia corpora geometrica a Joanne Keplero ..., Tubinga, 1596 (2ed. 1621). Traduzione italiana parziale con note (a cura di Marco Storni): Prefazione antica al lettore, cap. I, cap. II, cap. III. (Da leggersi parallelamente al testo latino con traduzione inglese a fronte di A.M. Duncan, New York: Abaris, 1981). Fotocopie disponibili in Dipartimento (Ufficio fotocopie, I piano).

3a) Alexandre Koyré, La rivoluzione astronomica: Copernico, Keplero, Borelli, Feltrinelli, Milano, 1966, pp. 99-139 (più pp. di note al testo). Fotocopie disponibili in Dipartimento.

3b) J.L.E. Dreyer, Storia dell’astronomia da Talete a Keplero, Feltrinelli, Milano, 1980 (3ed.), pp.360-367. Fotocopie disponibili in Dipartimento.


3^ unità didattica

Newton e la fondazione fisica del sistema astronomico di Keplero. Herschel e la scoperta di Urano (20 ore)

1a) Isaac Newton, Principi matematici della Filosofia naturale, UTET, Torino, 1965: Definizioni (Da leggersi parallelamente al testo latino (1687) e alla traduzione inglese (1729)), pp. 91-101; Scolio alle definizioni, pp. 101-111; Assiomi o leggi del movimento, pp. 113-116; Corollari alle leggi del movimento, pp. 117-128; Libro primo Moto dei corpi, sezione II, proposizioni I-IV (solo enunciati), pp. 155-162; Libro terzo, Il sistema del mondo, Introduzione, Regole del filosofare I-IV, pp. 601-607; Fenomeni I-VI, pp. 608-615; proposizioni I-IV, pp. 616-623. Fotocopie disponibili in Dipartimento.

1b) Isaac Newton, Il sistema del mondo, Edizioni Theoria, Roma, 1983, pp. 5-39. Fotocopie disponibili in Dipartimento.

2) I. Bernard Cohen, La rivoluzione newtoniana, Feltrinelli, Milano, 1982, pp. 254-288. Fotocopie disponibili in Dipartimento.

3a) William Herschel, Account of a Comet, in Philosophical transactions, London, 1781, vol. 71.1, pp. 492-501 Traduzione italiana (a cura di Aurelio Oskian). Fotocopie disponibili in Dipartimento.

3b) William Herschel, I) A letter of W. Herschel. II) On the Diameter and Magnitude of the Georgium Sidus with a description of the dark and lucid Disk and Periphery Micrometers, in Philosophical transactions, London, 1783, vol. 73.1, pp. 1-14 Traduzione italiana (a cura di Aurelio Oskian). Fotocopie disponibili in Dipartimento.

Avvertenza per la preparazione dei testi del III modulo. Nell’esame non si chiederà naturalmente di svolgere le dimostrazioni matematiche contenute nei testi di Newton o di fornire i dati  osservativi riportati da Herschel nelle sue Memorie. Si richiederà comunque di sapere esporre quali siano le parti e l’ordine seguito nelle dimostrazioni, e le modalità con cui le misurazioni astronomiche vengono utilizzate e considerate.