Archivi categoria: Attività Didattica

Syllabus dettagliato delle lezioni

Data Tema
01 telematica Introduzione alla filosofia della scienza
02 telematica Contesto della scoperta e contesto della giustificazione
03 telematica La tradizione empirista e il “nuovo” empirismo logico
04 telematica Induzione e conferma: il problema di Hume e i guai dell’induttivismo
05 telematica Congetture e confutazioni: il fallibilismo di Karl Popper
06 telematica Un “tentativo di falsificazione” e il ruolo della metafisica
07 telematica Salvare il meglio dell’induzione: un approccio probabilistico alla ricerca scientifica
08 telematica Il ruolo delle convenzioni nella pratica scientifica
09 telematica Gli “enunciati protocollari”
10 telematica Il problema della base empirica: la nozione di theory-ladenness
11 telematica Scienza normale, paradigmi e rivoluzioni: Thomas Kuhn e la struttura delle rivoluzioni scientifiche
12 telematica La “tensione essenziale” fra tradizione e innovazione (con cenni alla nozione di Big Science)
13 telematica La Metodologia dei Programmi di Ricerca Scientifici di Imre Lakatos
14 telematica Il problema della sottodeterminazione e il dibattito sul realismo scientifico
15 telematica Modelli di spiegazione e il problema della causalità
 16 telematica Causalità, caso, ed evoluzione a partire da Darwin
17 telematica “Spiegazione” in Darwin: cinque aspetti della teoria dell’evoluzione
18 telematica Darwin e “l’origine dell’uomo” (I)
19 telematica Darwin e “l’origine dell’uomo” (II)
20 telematica Darwin e “l’origine dell’uomo” (III)
21 telematica Darwin e “”l’origine dell’uomo” (IV)
22 telematica Il ruolo dell’errore: teoria della conoscenza ed evoluzione (I)
23 telematica Il ruolo dell’errore: teoria della conoscenza ed evoluzione (II)
24 telematica L’illuminismo e la scienza in una società libera

Modalità d’esame – seconde lauree e biennalisti

La prova scritta ha la funzione di testare alcune capacità specifiche di apprendimento e di elaborazione autonoma di nozioni e modalità argomentative, che dovrebbero essere ormai entrate nel patrimonio intellettuale di chi ha già alle spalle un percorso di laurea e di chi ha già sostenuto un’annualità di Filosofia della scienza. Inoltre, chi è in almeno una di queste condizioni è generalmente più appagato e motivato da un colloquio orale che dal ripetere la prova scritta.

Per queste ragioni, i biennalisti (coloro che, in conformità al loro piano di studi, sostengono lo stesso esame una seconda volta) e i già laureati non sono tenuti a sostenere la prova scritta.

Per i già laureati l’esame consisterà, di regola, in una interrogazione orale sull’intero programma. I biennalisti, che solitamente conoscono già gli elementi di base della filosofia della scienza e dell’epistemologia, sono invitati a prendere contatto con il docente per discutere particolari modalità d’esame e, se il caso, per integrare il programma con bibliografia sostitutiva o aggiuntiva.

Ricevimento studenti


A partire dall’inizio delle lezioni (11 febbraio) e per tutto il secondo semestre, il ricevimento settimanale avrà luogo, di regola, il mercoledì dalle 10.30 alle 13.30.

Talvolta, per urgenze, impegni improrogabili, seminari fuori sede, ecc., è possibile che il ricevimento venga sospeso, anticipato o posticipato. Mi scuso in anticipo se questo dovesse creare disagio.

Per coloro che non potessero presentarsi al ricevimento ma che avessero bisogno di parlarmi (in particolare per i laureandi) sono comunque disponibile a concordare colloqui via Skype.

Qui informazioni dettagliate sugli orari (e il luogo) di ricevimento.

SYLLABUS DETTAGLIATO DELLE LEZIONI

Il calendario delle lezioni è provvisorio e viene continuamente aggiornato in base alle comunicazioni degli organi di Ateneo sull’emergenza Coronavirus. Dal 25 febbraio e fino a data da destinarsi le lezioni hanno luogo in modalità e-learning (abbreviato E-L nell’elenco seguente) e sono accessibili attraverso Ariel.

  Data Tema
01 11/02 Introduzione al corso
02 12/02 Contesto della scoperta e contesto della giustificazione
03 13/02 La tradizione empirista e il “nuovo” empirismo logico
04 18/02 Induzione e conferma: il criterio di verificabilità
05 19/02 Congetture e confutazioni: il fallibilismo di Karl Popper
06 20/02 Un “tentativo di falsificazione” e il ruolo della metafisica
07 25/02 E-L Salvare il meglio dell’induzione: un approccio probabilistico alla ricerca scientifica
08 26/02 E-L Il ruolo delle convenzioni nella pratica scientifica
09 03/03 E-L Gli “enunciati protocollari”
10 04/03 E-L Il problema della base empirica: la nozione di theory-ladenness
11 05/03 E-L Scienza normale, paradigmi e rivoluzioni: Thomas Kuhn e la struttura delle rivoluzioni scientifiche
12 10/03 E-L La “tensione essenziale” fra tradizione e innovazione (con cenni alla nozione di Big Science)
13 11/03 E-L La Metodologia dei Programmi di Ricerca Scientifici di Imre Lakatos
14 12/03 E-L Il problema della sottodeterminazione e il dibattito sul realismo scientifico
15 17/03 E-L Un classico della filosofia della scienza: Conoscenza ed errore di Ernst Mach – Introduzione (1)
16 18/03 E-L Conoscenza ed errore (2): il ruolo dell’ipotesi
17 19/03 E-L Conoscenza ed errore (3): la funzione cognitiva dell’errore
18 24/03 E-L Conoscenza ed errore (4): la complessità dell’esperimento
19 26/03 E-L Conoscenza ed errore (5): la molteplicità delle strade della ricerca
20 31/03 E-L Conoscenza ed errore (6): la scienza come “economia di pensiero” e l’evoluzione biologica
21 01/04 E-L Fra Mach e il Circolo di Vienna: unità delle modalità cognitive o unità del sapere? (“La concezione scientifica del mondo”)
22 02/04 E-L Wittgenstein: “giochi linguistici” e “forme di vita”
23 07/04 E-L Lezione a invito Erasmus: Matteo Vagelli (1)
24 08/04 E-L Lezione a invito Erasmus: Matteo Vagelli (2)
25 16/04 E-L Lezione a invito Erasmus: Matteo Vagelli (3)
26 21/04 E-L Lezione a invito Erasmus: Matteo Vagelli (4)
27 22/04 E-L Ernst Mayr: la specificità della biologia
28 23/04 E-L Mayr e le cinque teorie dell’evoluzione
29 28/04 E-L Unità e disunità delle scienze: Feyerabend dice “addio alla ragione”?
30 29/04 E-L L’illuminismo e la scienza in una società libera

 

programma 2019-2020

A.A. 2019-2020 – Secondo Semestre
CORSO DI FILOSOFIA DELLA SCIENZA
per la Laurea Triennale

Unità e disunità delle scienze

Il seguente programma vale sia per i frequentanti sia per i non frequentanti.

Prima parte. Lineamenti di filosofia della scienza generale.

  • D. Gillies, G. Giorello, La filosofia della scienza nel XX secolo, Roma-Bari: Laterza, 2006 (e altre edizioni). Sono esclusi: nel cap. 2 i paragrafi 2.6-2.7 (pp. 51-67); nel cap. 3 il paragrafo 3.5 (pp. 86-90); nel cap. 10 i paragrafi 10.3 (pp. 250-252), 10.5, 10.6, 10.7 (pp. 257-277); nel cap. 12 i paragrafi 12.3-12.6 (311-336); l’intero cap. 14 (pp. 371-391).
  • Materiali integrativi, che verranno assegnati e discussi durante lo svolgimento del corso (disponibili sulla piattaforma istituzionale Ariel). Di essi sono facoltativi i saggi di J. Ladyman: “What is Structural Realism?” e “Structural Realism”.

Seconda parte. Un classico della filosofia della scienza.

  • E. Mach, Conoscenza ed errore, tr. it. Milano-Udine: Mimesis, 2017 (oppure nell’edizione Torino: Einaudi, 1982). Questo testo sarà esaminato dettagliatamente nel corso delle lezioni.

A loro scelta, gli studenti possono portare come tema d’esame, anziché il testo di Mach, il seguente volume:

G. Canguilhem, Il normale e il patologico, tr. it. Torino: Einaudi, 1998 (e successive edizioni), comprensivo della Postfazione di Michel Foucault (esclusa l’Introduzione di Mario Porro) e accompagnato per chiarimento dal seguente saggio: G. Ienna, “Sociologia ed epistemologia delle frontiere disciplinari.” Sociologia e ricerca sociale, 115/2018, pp. 15-36. (Articolo liberamente accessibile per gli iscritti Unimi.)

Terza parte. Regionalismo epistemologico e metodo scientifico.

  • “Unità e disunità delle scienze”. Dispense del corso 2019-20, disponibili su Ariel.
  • E. Mayr, L’unicità della biologia. Sull’autonomia di una disciplina scientifica, tr. it. Milano: Raffaello Cortina, 2005.

Per gli esami da 9 CFU tutti i testi sopra elencati sono da preparare obbligatoriamente; per gli esami da 6 CFU sono da preparare i testi citati esclusivamente nella Prima e Seconda Parte. Non ci sono testi aggiuntivi per i non frequentanti.

Si raccomanda vivamente, per chi volesse approfondire, l’antologia: G. Boniolo, M.L. Dalla Chiara, G. Giorello, C. Sinigaglia, S. Tagliagambe, Filosofia della scienza, a cura di C. Sinigaglia, Raffaello Cortina, Milano 2002.

Altri testi di supporto (non sono obbligatori ai fini della preparazione dell’esame):

  • G. Boniolo, Filosofia della scienza, Bruno Mondadori, Milano 1999.
  • G. Giorello (a cura di), Introduzione alla filosofia della scienza, Bompiani, Milano 1994.
  • G. Giorello, P. Donghi, Errore, il Mulino, Bologna 2019.
  • I.  Hacking, Ontologia storica, tr. it. ETS, Pisa 2010.
  • J. Ladyman, Filosofia della scienza. Un’introduzione, tr. it. Carocci, Roma 2007.
  • S. Okasha, Il primo libro di filosofia della scienza, tr. it. Einaudi, Torino 2006.

PROGRAMMA 2019-2020

CORSO DI LAUREA IN BIODIVERSITÀ ED EVOLUZIONE BIOLOGICA

A.A. 2017-2018 – Secondo Semestre
CORSO DI STORIA E FILOSOFIA DELLE SCIENZE
Docenti: Giulio Giorello / Luca Guzzardi
“Evoluzione umana ed evoluzione della conoscenza”

Per l’emergenza Coronavirus, il programma d’esame risulta lievemente modificato come segue. In particolare, si cercherà di fornire agli studenti un maggiore supporto mediante le slide del corso e altro materiale didattico.

Il seguente programma vale sia per i frequentanti sia per i non frequentanti.

Modulo 1. Elementi di storia e filosofia delle scienze
  • Il testo base è il volume: S. Okasha, Il primo libro di filosofia della scienza, tr. it. Einaudi, Torino, 2006. (Il libro può essere letto anche nell’edizione originale inglese: Philosophy of Science. A Very Short Introduction, Oxford University Press, Oxford 2002).
  • Slide del corso (lezioni) disponibili sul sito Ariel.
Modulo 2. Darwin e l’origine delle specie
  • C.R. Darwin, L’origine dell’uomo e la selezione sessuale, tr. it. Newton-Compton, Roma 2010. (Disponibili su Ariel in un’edizione originale inglese libera da copyright.)
  • G. Giorello, P. Donghi, Errore, il Mulino, Bologna 2019.

Non ci sono testi aggiuntivi per i non frequentanti.

Si raccomanda vivamente, per chi volesse approfondire:

  • G. Boniolo, M.L. Dalla Chiara, G. Giorello, C. Sinigaglia, S. Tagliagambe, Filosofia della scienza, a cura di C. Sinigaglia, Raffaello Cortina, Milano 2002.
  • D. Gillies, G. Giorello, La filosofia della scienza nel XX secolo, Laterza, Roma-Bari, 2006, 2010.

Altri testi di supporto (non sono obbligatori ai fini della preparazione dell’esame):

  • G. Boniolo, Filosofia della scienza, Bruno Mondadori, Milano 1999.
  • G. Giorello (a cura di), Introduzione alla filosofia della scienza, Bompiani, Milano 1994.
  • J. Ladyman, Filosofia della scienza. Un’introduzione, tr. it. Carocci, Roma 2007.
  • I. Hacking, La ragione scientifica, tr. it. Castelvecchi, Roma 2017.

La prova scritta

Indicazioni generali:

  • La prova scritta di Filosofia della scienza per la Laurea Triennale è obbligatoria per tutti gli studenti (eccetto biennalisti e già laureati) e verte sulla Prima e Seconda Parte del Programma d’esame dell’anno in corso. Salvo casi documentati per motivi di salute, biennalizzazioni, seconde lauree, programmi concordati per motivazioni riconosciute dal docente, non sono ammesse eccezioni.
  • La prova dovrà essere ripetuta qualora non venisse superata o l’esito venisse rifiutato.
  • La prova superata ha validità di 6 mesi (cioè, tra lo scritto e l’orale non possono decorrere più di sei mesi, salvo deroghe da parte del docente).
  • In caso di prova superata ed esito accettato, lo studente accede all’esame orale, che verterà solo sulla Terza Parte. Per il voto finale, si tiene conto della valutazione della prova scritta secondo le seguenti modalità.

Schema della prova e valutazione:

  • 6 domande chiuse sulla Prima Parte
    • Ogni risposta corretta vale 2,5 punti. Ogni risposta sbagliata vale –0,5 punti (meno 0,5 punti). Le domande lasciate in bianco valgono 0 punti.
  • 3 domande aperte sulla Seconda Parte
    • Ogni domanda vale da 0 a 4 punti (solo punteggi discreti: 0 punti per risposta sbagliata o assente; da 1 a 4 punti a seconda della ricchezza, pertinenza ed esaustività della risposta).
  • In caso di punteggio decimale nel risultato finale della prova scritta, si arrotonda all’unità superiore.
  • La prova è superata se si risponde correttamente ad almeno 3 domande chiuse e si totalizzano almeno 16 punti.
  • Ci sono due tipi di bonus:
    • Bonus di 3 punti per chi risponde correttamente a tutte le domande della Prima Parte e ottiene 4 in ciascuna domanda della Seconda Parte (cioè 27 punti nella prova equivalgono a un voto di partenza di 30 nell’orale).
    • Bonus di 2 punti per chi risponde correttamente a tutte le domande della Prima Parte, ottiene 3 punti in almeno due domande e almeno 1 punto in una domanda della Seconda Parte.
  • In linea di principio l’orale, che riguarda solo la Terza Parte, può modificare il voto di partenza di ±3 punti; ciò è comunque lasciato alla discrezionalità del docente.

Modalità d’esame

L’esame di Filosofia della Scienza per la Laurea Triennale consiste in una prova scritta e una prova orale, entrambe obbligatorie per chi sostiene l’esame da 9 CFU. La prova scritta è facoltativa per i biennalisti e chi è già in possesso di una laurea. (Se rientri in uno di questi due casi, approfondisci QUI.)

Salvo casi documentati per motivi di salute, seconde lauree, programmi concordati per motivazioni riconosciute dal docente, non sono ammesse eccezioni.

La prova scritta si compone di domande a risposta chiusa sulla Prima Parte e domande a risposta aperta sulla Seconda Parte, e intende accertare l’apprendimento di nozioni e competenze delle basi teoriche e concettuali della filosofia della scienza.

La prova orale riguarda la Terza Parte e intende accertare capacità di comprensione e riflessione nonché abilità comunicative e appropriatezza nell’utilizzo del linguaggio specifico della filosofia della scienza.

N.B.: La prova orale è facoltiva per chi sostiene l’esame da 6 CFU e ottiene almeno 18 punti nello scritto; essa consiste in una breve interrogazione sulla Prima e Seconda Parte e può portare a una modificazione del voto finale.

Ulteriori dettagli sulla prova scritta

Date e sedi

Date e sedi degli appelli d’esame di Filosofia della Scienza, anno 2019-2020:

  • Scritto: 25 maggio, ore 8.30 (On-line: Microsoft Teams)
    • Orale: 26 maggio, ore 8.30 (On-line: Microsoft Teams)
  • Scritto: 25 giugno, ore 8.30 (On-line: Microsoft Teams)
    • Orale: 26 giugno, ore 8.30 (On-line: Microsoft Teams)
  • Scritto: 20 luglio 2020, ore 13.30 (On-line: Microsoft Teams)
    • Orale: 21 luglio 2020, ore 8.30 (On-line: Microsoft Teams)
  • Scritto: 10 settembre 2020, ore 13.30 (Santa Sofia, M302)
    • Orale: 11 settembre 2020, ore 8.30 (Santa Sofia, M402)

Avviso riguardante le modalità d’esame negli appelli estivi durante l’emergenza Coronavirus

Le modalità generali d’esame sono chiarite sulla pagina web dedicata. Data l’emergenza Covid-19, a oggi (11 aprile 2020) non è possibile prevedere se tali modalità, in particolare per quanto concerne la prova scritta, siano applicabili in toto o solo in parte. Due sono gli scenari possibili, e solo dopo il 20 aprile avremo maggiori notizie su quale scenario sia il più probabile.

PRIMO SCENARIO:
L’esame scritto, le cui modalità sono chiarite qui, viene effettuato on-line su un questionario a risposte sia chiuse sia aperte con piattaforma di proctoring. Durante lo svolgimento della prova – mediante le piattaforme d’Ateneo indicate da Centro tecnologico – viene impiegato un sistema di proctoring, cioè di sorveglianza automatica, basato su algoritmi AI (in parole povere, è sconsigliabile copiare e cercare di “imbrogliare” guardando telefoni o comunicando con l’esterno, perché il sistema se ne accorge.)
Non c’è alcuna certezza che potremo impiegare questo sistema. Ho preso contatto con gli uffici, che potrebbero aver bisogno di tempo per capire se questo sistema sia applicabile, conveniente, ecc. In caso il sistema di proctoring non fosse applicabile, gli esami verranno effettuati secondo le modalità chiarite di seguito, nel

SECONDO SCENARIO:
L’esame scritto viene sostituito interamente dall’esame orale per tutto il tempo richiesto dall’emergenza Covid-19 e dalle conseguenti limitazioni all’uso degli spazi dell’Ateneo. In tal caso l’esame si svolgerà nella sola data della prova orale (26 maggio – 26 giugno – 21 luglio – 11 settembre) e in un’unica soluzione. In particolare, l’esame consisterà in un colloquio via Microsoft Teams sull’intero programma (cioè su tutte e tre le “parti” in cui è suddiviso il programma) al termine del quale avrà luogo l’assegnazione del voto. Per casi eccezionali sarà possibile utilizzare strumenti alternativi di connessione audio-video (es. Skype).

orario delle lezioni


In ottemperanza alle misure a tutela della salute pubblica in riferimento al Coronavirus, tutte le lezioni e le attività didattiche in presenza sono temporaneamente sospese. Le lezioni vengono effettuate in modalità on-line asincrona e sono accessibili da Ariel.

Martedì, ore 16.30-18.30: Aula 102 (via Festa del Perdono)

Mercoledì, ore 8.30-10.30: Aula M202 (via Santa Sofia)

Giovedì, ore 8.30-10.30: Aula M302 (via Santa Sofia)