Archivi categoria: Studi Umanistici

orario delle lezioni


Il corso avrà inizio mercoledì 30 settembre 2020 alle 16.30 e sarà erogato on-line, via Ariel (in modalità asincrona) e MS Teams (in modalità sincrona).

Proseguirà con i seguenti orari, validi per tutto il primo semestre:

Lunedì 16.30-18.30

Mercoledì 16.30-18.30

Per seguire il corso unisciti al Team di Storia e filosofia delle scienze!

I materiali inerenti al corso e le registrazioni delle lezioni, ove possibile, verranno caircati anche su Ariel.

PROGRAMMA 2020-2021

CORSO DI LAUREA IN BIODIVERSITÀ ED EVOLUZIONE BIOLOGICA

A.A. 2020-2021 – Primo Semestre
CORSO DI STORIA E FILOSOFIA DELLE SCIENZE

Il seguente programma vale sia per i frequentanti sia per i non frequentanti.

Programma da 6 CFU

  • S. Okasha, Il primo libro di filosofia della scienza, tr. it. Einaudi, Torino, 2006.
  • E. Mayr, L’unicità della biologia. Sull’autonomia di una disciplina scientifica, tr. it. Milano: Raffaello Cortina, 2005.
  • C. Darwin, The Foundations of the Origin of Species. A Sketch written in 1842 (edizione originale Cambridge UP: Cambridge, 1909;
    il testo è reso disponibile on-line per la lettura e il commento condiviso). Ai fini dell’esame, tutti gli studenti devono partecipare alla “lettura condivisa” via Social Annotations Platform (SAP) di questo testo (vedere le istruzioni in merito).

Non ci sono testi aggiuntivi per i non frequentanti.

Si raccomanda vivamente, per chi volesse approfondire:

  • G. Boniolo, M.L. Dalla Chiara, G. Giorello, C. Sinigaglia, S. Tagliagambe, Filosofia della scienza, a cura di C. Sinigaglia, Raffaello Cortina, Milano 2002.
  • D. Gillies, G. Giorello, La filosofia della scienza nel XX secolo, Laterza, Roma-Bari, 2006, 2010.
  • J. Ladyman, Filosofia della scienza. Un’introduzione, tr. it. Carocci, Roma 2007.

Indicazioni per l’esame

La valutazione avverrà secondo due voci distinte: 1) esame orale (80%); 2) partecipazione a un gruppo di lettura e commenti condivisi (on-line) di un testo chiave darwiniano (20%). Il punto 1 intende accertare l’apprendimento delle basi teoriche e concettuali della filosofia della scienza e delle svolte più significative della storia della teoria dell’evoluzione. Particolare attenzione sarà dedicata alla capacità di integrare le conoscenze e gestire la complessità delle informazioni e formulare giudizi anche con dati incompleti. Il punto 2 intende valutare la capacità di comprensione di un testo scientifico nonché le capacità di formulare giudizi e applicare le conoscenze apprese. In entrambi i casi l’appropriatezza del linguaggio e le abilità comunicative verranno considerate ai fini della valutazione.

SYLLABUS DETTAGLIATO DELLE LEZIONI

Il corso avrà inizio nel secondo semestre. Il calendario delle lezioni non è ancora stato fissato e quello che segue è un syllabus provvisorio e puramente indicativo degli argomenti che verranno trattati.

  Data Tema
01   Introduzione al corso
02   Contesto della scoperta e contesto della giustificazione
03   La tradizione empirista e il “nuovo” empirismo logico
04   Induzione e conferma: il “problema di Hume” e i guai dell’induttivismo
05   Congetture e confutazioni: il fallibilismo di Karl Popper
06   Un “tentativo di falsificazione” e il ruolo della metafisica
07   La scoperta delle “Fasi di Venere”: falsificazione di una teoria scientifica e corroborazione della rivale
08   Il ruolo delle convenzioni nella pratica scientifica
09   Gli “enunciati protocollari” e le tesi di Duhem e Quine
10   Il problema della base empirica: la nozione di theory-ladenness
11   Scienza normale, paradigmi e rivoluzioni: Thomas Kuhn e la struttura delle rivoluzioni scientifiche
12   La “tensione essenziale” fra tradizione e innovazione (con cenni alla nozione di Big Science)
13   La Metodologia dei Programmi di Ricerca Scientifici di Imre Lakatos
14   Il problema della sottodeterminazione e il dibattito sul realismo scientifico
15   Un classico della filosofia della scienza: Contro il metodo di Paul K. Feyerabend
16   Contro il metodo (2)
17   Contro il metodo (3)
18   Contro il metodo (4)
19   Contro il metodo (5)
20   Contro il metodo (6)
21   Wittgenstein: dal Tractatus logico-philosophicus alle Ricerche filosofiche
22   Wittgenstein: “giochi linguistici” e “forme di vita”
23   Le Note sul Ramo d’oro
24   Che cosa significa essere uno scienziato? (introduzione a Il Leviatano e la pompa ad aria, I)
25   Il laboratorio come “forma di vita” (Il Leviatano e la pompa ad aria, II)
26   Hobbes contro Boyle (Il Leviatano e la pompa ad aria, III)
27   Ethos scientifico ed ethos filosofico: Kant e la risposta alla domanda Che cos’è l’illuminismo?
28   Ethos scientifico ed ethos filosofico: Foucault legge Kant
29   Scienza e libertà (Giorello: La libertà e i suoi vincoli)
30   L’illuminismo e la scienza in una società libera

 

orario delle lezioni


Il corso avrà inizio martedì 2 marzo alle ore 9.30 in MS Teams, sul Team di filosofia della scienza (il codice di accesso è pubblicato sul Sito istituzionale Ariel) e proseguirà con il seguente orario:

martedì 9.30-11.00
mercoledì 9.30-11.00
giovedì 9.30-11.00

Per l’intero mese di marzo le lezioni verranno effettuate solo a distanza sulla piattaforma MS Teams. Se le condizioni lo permetteranno, in aprile e in maggio verranno effettuate lezioni anche in presenza, nel rispetto delle disposizioni igienico-sanitarie emanate dall’Ateneo e dagli organi competenti. La registrazione di tutte le lezioni, accessibile dal Team di filosofia della scienza, sarà comunque garantita.

programma 2020-2021

A.A. 2020-2021 – Secondo Semestre
CORSO DI FILOSOFIA DELLA SCIENZA
per la Laurea Triennale

Il seguente programma vale sia per i frequentanti sia per i non frequentanti.

Programma da 6 CFU (40 ore)

  1. P. Godfrey-Smith, La teoria e la realtà. Introduzione alla filosofia della scienza. Milano: Raffaello Cortina, 2021. [Se questo manuale non sarà ancora disponibile, il testo di riferimento sarà: D. Gillies, G. Giorello, La filosofia della scienza nel XX secolo, Roma-Bari: Laterza, 2006 (e altre edizioni). Sono esclusi: nel cap. 2 i paragrafi 2.6-2.7 (pp. 51-67); nel cap. 3 il paragrafo 3.5 (pp. 86-90); nel cap. 10 i paragrafi 10.3 (pp. 250-252), 10.5, 10.6, 10.7 (pp. 257-277); nel cap. 12 i paragrafi 12.3-12.6 (311-336); l’intero cap. 14 (pp. 371-391).]
  2. Materiali integrativi, che verranno assegnati e discussi durante lo svolgimento del corso (disponibili sulla piattaforma istituzionale Ariel e sul Team di Filosofia della scienza).
  3. P.K. Feyerabend, Contro il metodo. Milano: Feltrinelli 1979 (e successive edizioni).

Programma da 9 CFU (60 ore)

  1. P. Godfrey-Smith, La teoria e la realtà. Introduzione alla filosofia della scienza. Milano: Raffaello Cortina, 2021. [Se questo manuale non sarà ancora disponibile, il testo di riferimento sarà: D. Gillies, G. Giorello, La filosofia della scienza nel XX secolo, Roma-Bari: Laterza, 2006 (e altre edizioni). Sono esclusi: nel cap. 2 i paragrafi 2.6-2.7 (pp. 51-67); nel cap. 3 il paragrafo 3.5 (pp. 86-90); nel cap. 10 i paragrafi 10.3 (pp. 250-252), 10.5, 10.6, 10.7 (pp. 257-277); nel cap. 12 i paragrafi 12.3-12.6 (311-336); l’intero cap. 14 (pp. 371-391).]
  2. Materiali integrativi, che verranno assegnati e discussi durante lo svolgimento del corso (disponibili sulla piattaforma istituzionale Ariel e sul Team di Filosofia della scienza).
  3. P.K. Feyerabend, Contro il metodo. Milano: Feltrinelli, 1979 (e successive edizioni).
  4. L. Wittgenstein, Note sul “Ramo d’oro” di Frazer, con un saggio di J. Bouvresse. Milano: Adelphi, 2006.
  5. S. Shapin, S. Shaffer, Il Leviatano e la pompa ad aria. Hobbes, Boyle e la cultura dell’esperimento. Firenze: La Nuova Italia, 1995 (passi scelti, disponibili su Ariel nei termini consentiti dalla legge).
  6. I. Kant, M. Foucault, Che cos’è l’illuminismo? Milano-Udine: Mimesis, 2012.
  7. G. Giorello, La libertà e i suoi vincoli. Roma: Castelvecchi 2017.

Non ci sono testi aggiuntivi per i non frequentanti.

Si raccomanda vivamente, per chi volesse approfondire, l’antologia: G. Boniolo, M.L. Dalla Chiara, G. Giorello, C. Sinigaglia, S. Tagliagambe, Filosofia della scienza, a cura di C. Sinigaglia, Raffaello Cortina, Milano 2002.

Altri testi di supporto (non sono obbligatori ai fini della preparazione dell’esame):

  • G. Boniolo, Filosofia della scienza, Bruno Mondadori, Milano 1999.
  • G. Giorello (a cura di), Introduzione alla filosofia della scienza, Bompiani, Milano 1994.
  • G. Giorello, P. Donghi, Errore, il Mulino, Bologna 2019.
  • I.  Hacking, Ontologia storica, tr. it. ETS, Pisa 2010.
  • J. Ladyman, Filosofia della scienza. Un’introduzione, tr. it. Carocci, Roma 2007.
  • S. Okasha, Il primo libro di filosofia della scienza, tr. it. Einaudi, Torino 2006.

SYLLABUS DETTAGLIATO DELLE LEZIONI

Il calendario delle lezioni è provvisorio e viene continuamente aggiornato in base alle comunicazioni degli organi di Ateneo sull’emergenza Coronavirus. Dal 25 febbraio e fino a data da destinarsi le lezioni hanno luogo in modalità e-learning (abbreviato E-L nell’elenco seguente) e sono accessibili attraverso Ariel.

  Data Tema
01 11/02 Introduzione al corso
02 12/02 Contesto della scoperta e contesto della giustificazione
03 13/02 La tradizione empirista e il “nuovo” empirismo logico
04 18/02 Induzione e conferma: il criterio di verificabilità
05 19/02 Congetture e confutazioni: il fallibilismo di Karl Popper
06 20/02 Un “tentativo di falsificazione” e il ruolo della metafisica
07 25/02 E-L Salvare il meglio dell’induzione: un approccio probabilistico alla ricerca scientifica
08 26/02 E-L Il ruolo delle convenzioni nella pratica scientifica
09 03/03 E-L Gli “enunciati protocollari”
10 04/03 E-L Il problema della base empirica: la nozione di theory-ladenness
11 05/03 E-L Scienza normale, paradigmi e rivoluzioni: Thomas Kuhn e la struttura delle rivoluzioni scientifiche
12 10/03 E-L La “tensione essenziale” fra tradizione e innovazione (con cenni alla nozione di Big Science)
13 11/03 E-L La Metodologia dei Programmi di Ricerca Scientifici di Imre Lakatos
14 12/03 E-L Il problema della sottodeterminazione e il dibattito sul realismo scientifico
15 17/03 E-L Un classico della filosofia della scienza: Conoscenza ed errore di Ernst Mach – Introduzione (1)
16 18/03 E-L Conoscenza ed errore (2): il ruolo dell’ipotesi
17 19/03 E-L Conoscenza ed errore (3): la funzione cognitiva dell’errore
18 24/03 E-L Conoscenza ed errore (4): la complessità dell’esperimento
19 26/03 E-L Conoscenza ed errore (5): la molteplicità delle strade della ricerca
20 31/03 E-L Conoscenza ed errore (6): la scienza come “economia di pensiero” e l’evoluzione biologica
21 01/04 E-L Fra Mach e il Circolo di Vienna: unità delle modalità cognitive o unità del sapere? (“La concezione scientifica del mondo”)
22 02/04 E-L Wittgenstein: “giochi linguistici” e “forme di vita”
23 07/04 E-L Lezione a invito Erasmus: Matteo Vagelli (1)
24 08/04 E-L Lezione a invito Erasmus: Matteo Vagelli (2)
25 16/04 E-L Lezione a invito Erasmus: Matteo Vagelli (3)
26 21/04 E-L Lezione a invito Erasmus: Matteo Vagelli (4)
27 22/04 E-L Ernst Mayr: la specificità della biologia
28 23/04 E-L Mayr e le cinque teorie dell’evoluzione
29 28/04 E-L Unità e disunità delle scienze: Feyerabend dice “addio alla ragione”?
30 29/04 E-L L’illuminismo e la scienza in una società libera

 

programma 2019-2020

A.A. 2019-2020 – Secondo Semestre
CORSO DI FILOSOFIA DELLA SCIENZA
per la Laurea Triennale

Unità e disunità delle scienze

Il seguente programma vale sia per i frequentanti sia per i non frequentanti.

Prima parte. Lineamenti di filosofia della scienza generale.

  • D. Gillies, G. Giorello, La filosofia della scienza nel XX secolo, Roma-Bari: Laterza, 2006 (e altre edizioni). Sono esclusi: nel cap. 2 i paragrafi 2.6-2.7 (pp. 51-67); nel cap. 3 il paragrafo 3.5 (pp. 86-90); nel cap. 10 i paragrafi 10.3 (pp. 250-252), 10.5, 10.6, 10.7 (pp. 257-277); nel cap. 12 i paragrafi 12.3-12.6 (311-336); l’intero cap. 14 (pp. 371-391).
  • Materiali integrativi, che verranno assegnati e discussi durante lo svolgimento del corso (disponibili sulla piattaforma istituzionale Ariel). Di essi sono facoltativi i saggi di J. Ladyman: “What is Structural Realism?” e “Structural Realism”.

Seconda parte. Un classico della filosofia della scienza.

  • E. Mach, Conoscenza ed errore, tr. it. Milano-Udine: Mimesis, 2017 (oppure nell’edizione Torino: Einaudi, 1982). Questo testo sarà esaminato dettagliatamente nel corso delle lezioni.

A loro scelta, gli studenti possono portare come tema d’esame, anziché il testo di Mach, il seguente volume:

G. Canguilhem, Il normale e il patologico, tr. it. Torino: Einaudi, 1998 (e successive edizioni), comprensivo della Postfazione di Michel Foucault (esclusa l’Introduzione di Mario Porro) e accompagnato per chiarimento dal seguente saggio: G. Ienna, “Sociologia ed epistemologia delle frontiere disciplinari.” Sociologia e ricerca sociale, 115/2018, pp. 15-36. (Articolo liberamente accessibile per gli iscritti Unimi.)

Terza parte. Regionalismo epistemologico e metodo scientifico.

  • “Unità e disunità delle scienze”. Dispense del corso 2019-20, disponibili su Ariel.
  • E. Mayr, L’unicità della biologia. Sull’autonomia di una disciplina scientifica, tr. it. Milano: Raffaello Cortina, 2005.

Per gli esami da 9 CFU tutti i testi sopra elencati sono da preparare obbligatoriamente; per gli esami da 6 CFU sono da preparare i testi citati esclusivamente nella Prima e Seconda Parte. Non ci sono testi aggiuntivi per i non frequentanti.

Si raccomanda vivamente, per chi volesse approfondire, l’antologia: G. Boniolo, M.L. Dalla Chiara, G. Giorello, C. Sinigaglia, S. Tagliagambe, Filosofia della scienza, a cura di C. Sinigaglia, Raffaello Cortina, Milano 2002.

Altri testi di supporto (non sono obbligatori ai fini della preparazione dell’esame):

  • G. Boniolo, Filosofia della scienza, Bruno Mondadori, Milano 1999.
  • G. Giorello (a cura di), Introduzione alla filosofia della scienza, Bompiani, Milano 1994.
  • G. Giorello, P. Donghi, Errore, il Mulino, Bologna 2019.
  • I.  Hacking, Ontologia storica, tr. it. ETS, Pisa 2010.
  • J. Ladyman, Filosofia della scienza. Un’introduzione, tr. it. Carocci, Roma 2007.
  • S. Okasha, Il primo libro di filosofia della scienza, tr. it. Einaudi, Torino 2006.

orario delle lezioni


In ottemperanza alle misure a tutela della salute pubblica in riferimento al Coronavirus, tutte le lezioni e le attività didattiche in presenza sono temporaneamente sospese. Le lezioni vengono effettuate in modalità on-line asincrona e sono accessibili da Ariel.

Martedì, ore 16.30-18.30: Aula 102 (via Festa del Perdono)

Mercoledì, ore 8.30-10.30: Aula M202 (via Santa Sofia)

Giovedì, ore 8.30-10.30: Aula M302 (via Santa Sofia)

 

programma 2018-2019

A.A. 2018-2019 – Secondo Semestre
CORSO DI FILOSOFIA DELLA SCIENZA
per la Laurea Triennale

Rappresentare e intervenire:
osservazione, esperimento, razionalità

Il seguente programma vale sia per i frequentanti sia per i non frequentanti.
Modulo 1. Elementi di filosofia della scienza generale
  • Il testo base è il volume: D. Gillies, G. Giorello, La filosofia della scienza nel xx secolo, Laterza, Roma-Bari, 2006, 2010. Sono esclusi: nel cap. 2 i paragrafi 2.6-2.7 (pp. 51-67); nel cap. 3 il paragrafo 3.5 (pp. 86-90); nel cap. 10 i paragrafi 10.3 (pp. 250-252), 10.5, 10.6, 10.7 (pp. 257-277); nel cap. 12 i paragrafi 12.3-12.6 (311-336); l’intero cap. 14 (pp. 371-391).
  • G. Giorello, La libertà e i suoi vincoli, Castelvecchi, Roma 2017.
  • Materiali integrativi, che verranno assegnati e discussi durante lo svolgimento del corso (disponibili presso l’Ufficio fotocopie e sulla piattaforma istituzionale Ariel). Di essi sono facoltativi i saggi di J. Ladyman: “What is Structural Realism?” e “Structural Realism”.
 Modulo 2. Pratiche scientifiche e razionalità
  • I. Hacking, La ragione scientifica, ed. it. a cura di G. Ienna e M. Vagelli, Castelvecchi, Roma 2017.
Modulo 3. “Osservare” l’invisibile: buchi neri e onde gravitazionali
  • A. Marconi, I buchi neri, il Mulino, Bologna 2013 (solo i capp. 1-5). Nota bene: Le parti tecniche del libro (equazioni e calcoli) devono essere lette e comprese per capire adeguatamente i concetti presentati nel volume, ma non saranno oggetto d’esame: nessuna domanda riguarderà equazioni, calcoli o nozioni di astrofisica fini a se stesse.
  • H. Collins, Un bacio tra le stelle. Come sono state individuate le onde gravitazionali, tr. it. Raffaello Cortina, Milano 2018.

Per gli esami da 9 CFU tutti i testi sopra elencati sono da preparare obbligatoriamente; per gli esami da 6 CFU sono da preparare i testi citati esclusivamente nei moduli 1 e 2. Non ci sono testi aggiuntivi per i non frequentanti.


Si raccomanda vivamente, per chi volesse approfondire, l’antologia G. Boniolo, M.L. Dalla Chiara, G. Giorello, C. Sinigaglia, S. Tagliagambe, Filosofia della scienza, a cura di C. Sinigaglia, Raffaello Cortina, Milano 2002.

 Altri testi di supporto (non sono obbligatori ai fini della preparazione dell’esame):

  • G. Boniolo, Filosofia della scienza, Bruno Mondadori, Milano 1999.
  • G. Giorello (a cura di), Introduzione alla filosofia della scienza, Bompiani, Milano 1994.
  • J. Ladyman, Filosofia della scienza. Un’introduzione, tr. it. Carocci, Roma 2007.
  • I. Hacking, Ontologia storica, tr. it. ETS, Pisa 2010.
  • S. Okasha, Il primo libro di filosofia della scienza, tr. it. Einaudi, Torino 2006.
  • N.d. Tyson, Astrofisica per chi va di fretta, tr. it. Raffaello Cortina, Milano 2018.

SYLLABUS DELLE LEZIONI

Data Tema
01 19/02 Che cos’è la filosofia della scienza
02 20/02 Contesto della scoperta e contesto della giustificazione
03 21/02 La tradizione empirista e il “nuovo” empirismo logico
04 26/02 Induzione e conferma: il criterio di verificazione
05 27/02 Congetture e confutazioni: il fallibilismo di Karl Popper
06 28/02 Distinguere la scienza da altre attività: criteri di demarcazione
07 05/03 Salvare il meglio dell’induzione: l’approccio probabilistico
08 06/03 Il ruolo delle convenzioni nella pratica scientifica
09 12/03 Gli “enunciati protocollari”
10 13/03 Il problema della base empirica: theory-ladenness e  “dogmi dell’empirismo”
11 14/03 Il dogmatismo degli scienziati e i manuali
12 19/03 Scienza normale, paradigmi e rivoluzioni: La “tensione essenziale” di Thomas Kuhn
13 20/03 La Metodologia dei Programmi di Ricerca Scientifici di Imre Lakatos
14 21/03 Opportunismo degli scienziati e teorie come strumenti: lo “strumentalismo”
15 02/04 Il problema della sottodeterminazione e il dibattito sul realismo scientifico
16 03/04 Gli “stili di pensiero” di Ian Hacking (La ragione scientifica, I)
17 04/04 Lo stile matematico fra geometria e algebra (La ragione scientifica, II)
18 09/04 Lo stile fisico-matematico “galileiano” – 1 (La ragione scientifica, III/1)
19 10/04 Lo stile fisico-matematico “galileiano” – 2 (La ragione scientifica, III/2)
20 11/04 “Pensiero e azione”: lo stile di laboratorio – 1 (La ragione scientifica, IV/1)
21 16/04 “Pensiero e azione”: lo stile di laboratorio – 2 (La ragione scientifica, IV/2)
22 17/04 “Se li puoi spruzzare, esistono”: Ian Hacking e il realismo delle entità (La ragione scientifica, V)
23 30/04 “Buchi neri”: storia di un’idea – 1
24 02/05 “Buchi neri”: storia di un’idea – 2
25 07/05 Le onde gravitazionali (lezione a invito: Marco Giammarchi)
26 08/05 Osservare oggetti che non si vedono, vedere cose fuori posto: una lezione dall’astronomia e dall’astrofisica
27 09/05 Collaborazione e ricerca scientifica: l’esempio della scoperta delle onde gravitazionali
28 14/05 Big Science: La società della conoscenza
29 15/05 Condizioni storiche e sociali: le sfide della sociologia e della storia della scienza
30 16/05 L’illuminismo e la scienza in una società libera